Junior News

Disturbi dell'apprendimento e vaccini sono collegati?

Scritto da Cybermed Junior
facebook Share on Facebook
Disturbi dell'apprendimento e vaccini sono collegati?

Una ricerca recente condotta da un noto epidemiologo, il Dr Anthony Mawson, ha portato alla luce molte rivelazioni scioccanti sui rischi associati alla vaccinazione. Una delle scoperte più preoccupanti di questo studio, come sottolinea Robert F. Kennedy Jr., è che i bambini vaccinati mostrano un rischio sensibilmente maggiore di sviluppare un disturbo dell'apprendimento.

 

Nel loro studio su 666 bambini i ricercatori hanno scoperto che i soggetti che erano stati vaccinati avevano un rischio aumentato del 520% di sviluppare un disturbo dell'apprendimento rispetto ai bambini non vaccinati. Il team ha scoperto anche che i bambini vaccinati mostravano un rischio superiore del 420 per cento di sviluppare autismo o ADHD.

 

Come se non bastasse, le scoperte hanno inoltre rivelato che non tutti i vaccini forniscono la protezione che dichiarano. Mentre i bambini vaccinati mostravano una minore incidenza di varicella e pertosse rispetto ai non vaccinati, gli scienziati hanno provato che non c'erano differenze sensibili nell'incidenza di altre malattie "prevenibili tramite vaccinazione". Come scrive RFK Jr, "Gli scienziati non hanno trovato differenze significative nei tassi di incidenza di altre malattie a prevenzione vaccinale come epatite A o B, morbillo, parotite, rosolia, influenza, meningite o rotavirus. Questo studio suggerisce che i bambini completamente vaccinati stanno probabilmente barattando la prevenzione di alcune malattie acute (come varicella o pertosse) con un numero molto più elevato di malattie croniche e di disturbi dello sviluppo neurologico (NDDs) quali ADHD e autismo."

 

Altre ricerche in passato avevano già evidenziato una connessione fra vaccini e disturbi dell'apprendimento e del neurosviluppo. Nel 2008, i ricercatori scoprirono che i vaccini contenenti thimerosal costituivano motivo di grave preoccupazione in relazione a tali disturbi. Il team, che era composto dagli scienziati della George Washington University School of Public Health e del Dipartimento di Epidemiologia e Biostatistica del Ministero della Salute, nonché dall'Istituto per le Malattie Croniche e dai Genetic Centers of America, metteva in guardia sulla necessità di eliminare interamente il thimerosal dai vaccini.

 

I ricercatori hanno affermato nell'abstract dello studio che "Le esposizioni al mercurio (Hg) da vaccini contenenti thimerosal [TCVs, thimerosal-containing vaccines] sono state calcolate per coorte di nascita per finestre di esposizione specifiche dalla nascita a 7 mesi e dalla nascita a 13 mesi. L'analisi di regressione di Poisson è stata utilizzata per modellare l'associazione fra la prevalenza dei risultati e le dosi di mercurio (Hg) derivanti dai vaccini contenenti thimerosal (TCVs). Coerenti tassi di incidenza significativamente accresciuti sono stati osservati per autismo, disturbi dello spettro autistico, tic, disturbo da deficit di attenzione e disturbi emotivi con esposizione al mercurio da vaccino (TCVs)." Il team ha proseguito sottolineando che nessun aumento è stato osservato nel gruppo di controllo.

 

Mentre i media mainstream affermano che i vaccini non conterrebbero più thumerosal, la verità è che probabilmente molti vaccini contengono ancora questo ingrediente pericoloso. Non solo viene utilizzato come conservante in molti vaccini antinfluenzali, ma può essere presente nei "vaccini a thimerosal ridotto," e persino in certi presunti vaccini "senza thimerosal", purché la quantità di thimerosal resti al di sotto del valore soglia, stabilito dalla FDA.

 

La FDA afferma inoltre che "Un vaccino contenente lo 0,01% di thimerosal come conservante contiene 50 microgrammi di thimerosal per dose da 0,5 ml o approssimativamente 25 microgrammi di mercurio per dose da 0,5 ml. Per avere un termine di paragone, questa è all'incirca la stessa quantità di mercurio elementare presente in una scatoletta di tonno da 80 gr." Fornendo questo paragone, l'agenzia federale cerca di evocare un falso senso di sicurezza. Tuttavia come noto a tutti coloro che sono informati sul mercurio, la quantità di mercurio presente in una scatoletta di tonno è ben lungi dall'essere sicura, specialmente per i bambini - la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che i bambini piccoli sono più suscettibili al danno cerebrale da mercurio in quanto i loro cervelli sono ancora in sviluppo.

 

Health Canada raccomanda ai bambini di età inferiore a 5 anni di non mangiare più di mezza scatoletta di tonno alla settimana, e qui la FDA sta dicendo che inoculare nel vostro bambino l'equivalente di due settimane di mercurio in una singola iniezione va benissimo. Mentre bambini più grandi potrebbero anche consumare una scatoletta di tonno alla settimana, è lecito supporre che iniettare l'equivalente di una settimana di mercurio in una sola volta non sia esattamente la "migliore prassi".

 

Fonti:

https://worldmercuryproject.org/news/unvaccinated-children-much-lower-rates-chronic-illness-jackson-state-study-finds/

 

Young H.A., Geier D.A., Geier M.R. Thimerosal exposure in infants and neurodevelopmental disorders: an assessment of computerized medical records in the Vaccine Safety Datalink. J Neurol Sci. 2008 Aug 15;271(1-2):110-8

 

https://beta.theglobeandmail.com/life/health-and-fitness/ask-a-health-expert/how-much-tuna-is-safe-for-kids-to-eat/article18083135/?ref=http://www.theglobeandmail.com&

 

https://www.fda.gov/biologicsbloodvaccines/safetyavailability/vaccinesafety/ucm096228

 

 

http://www.informasalus.it/it/articoli/disturbi-apprendimento-vaccini.php


More Articles By This Author